LA MIA STORIA

Classe 1990, calabrese di nascita, trasferito sin da piccolo a Milano. La passione per la cucina ha radici già da bambino quando mi divertivo a vedere, ad aiutare, la mamma e la nonna cucinare per tutta la famiglia. Non una passione nata dal mondo della cucina televisiva.

Nel 2000 mi trasferisco a Milano con la famiglia, dove nel corso degli anni, intraprendo gli studi in un istituto professionale alberghiero a Milano, ed è da qui che inizia il mio viaggio nel mondo delle cucine di prestigiosi ristoranti sia in Italia che all’estero, un viaggio ricco di passione, tradizione e di una forte dose di innovazione.

Nel 2006 durante i vari stage scolastici, ho la grandissima fortuna di svolgere il mio percorso all’interno del Four Seasons Hotel Milano, dove conosco il grande maestro Sergio Mei, l’Executive Chef, colui che negli anni a venire, non avrei mai pensato di riuscire ad essere al suo fianco come stretto collaboratore. Qui scopro un nuovo mondo, una grande brigata di cucina, grandi standard di servizio, grandi cuochi ed un grande Executive Chef! Mi innamoro sempre più di questa passione (dico passione perché chiamarlo lavoro, starebbe a dire che non lo faccio col cuore).

Nel 2007, durante gli studi, ho avuto l’opportunità di fare la prima esperienza lavorativa al Rifugio Col Alt, un vero ristorante gourmet a 2000 metri di quota, nella meravigliosa cornice dell’Alta Badia. Qui, inizia l’amore vero per la cucina raffinata e di nicchia, uno sviluppo ulteriore alla passione, che già coltivavo dentro.

Nel 2008, terminato il percorso scolastico alberghiero a Milano, parto per Londra, dove avrò la possibilità di esplorare, ammirare e lavorare presso il famoso Harry’s Bar. Al rientro da Londra riesco ad entrare come commis di cucina al Trussardi alla Scala, il due stelle Michelin guidato dallo Chef Andrea Berton, accanto al prestigioso Teatro Milanese, una meta molto ambita per un cuoco con grandi ambizioni. Dopo qualche mese mi rendo conto però che feci uno step troppo alto, notai che forse avevo più bisogno di imparare le basi della cucina, le nostre radici e tradizioni, diciamo che avevo bisogno prima di imparare a cucinare e poi magari, ritornare su quel tipo di cucina sicuramente troppo elevato per l’esperienza che avevo e per l’età.

Quindi e così che nel 2010, ricontatto Sergio Mei, l’Executive Chef del Four Seasons Hotel Milano che per mia fortuna, decide di farmi entrare a far parte della sua brigata. Qui, riesco ad apprendere le vere basi della cucina, imparo che prima deve essere buono un piatto e poi ovviamente bello. Nei cinque anni di percorso, partendo da Commis di cucina, riesco a raggiungere la posizione di Chef de Partie in solo 1 anno, concludendo il resto del mio percorso come Junior sous chef, con la responsabilità di supervisore dei reparti assegnati durante tutta l’esperienza dandomi quindi una formazione completa.

Il richiamo del mondo culinario internazionale, mi porta nell’estate del 2014 a Parigi, al cospetto di Joël Robuchon, 2 stelle Michelin, dove ho avuto modo di aggiornarmi e vedere un’altra tipologia di cucina ad altissimi livelli, quindi di apprendere nuove tecniche e un nuovo stile.

Nel gennaio del 2015 accetto una nuova ed importantissima sfida, occuparmi dell’apertura e della gestione dell’Harry’s bar di Beirut. In questa esperienza, davvero molto ardua, oltre ad essere la mia prima esperienza da Chef, avevo anche la sfida della lingua straniera. Mi ritrovo molto lontano da casa a soli 25 anni a seguire un grande ristorante con grandissime aspettative, ed e qui che accettai di partecipare ad una competizione nazionale, per provare a far emergere il ristorante. Sfidando tutti i grandi ristoranti e hotel di Beirut, dal Four Seasons, al Radison Blue, arrivai primo nella categoria da me scelta. Grazie a questa competizione, riuscii a portare anche in alto il nome del ristorante, scalando svariate classifiche e posizionandolo al primo posto come miglior ristorante italiano di Beirut.

Nel 2016, rientro a Milano e una nuova avventura mi aspetta. Il Palazzo Parigi, hotel 5 stelle lusso di Milano. Entrai all’interno delle cucine come Chef della banchettistica, mettendomi alla prova in quest’ulteriore sfida.

La voglia di scoprire nuove tecniche e stili di cucina, fortunatamente non si fermava. La prossima tappa fu San Sebastian, da Arzak, ristorante 3 stelle Michelin, dove ho avuto la fortuna di riuscire ad entrare per fare una breve esperienza come stagista. Uno dei miei tanti sogni si stava avverando! Entrare nella cucina di un 3 stelle Michelin, tra i primi 50’ Best restaurant in the World. Un nuovo mondo, nuovi prodotti, nuove tecniche, un mondo da scoprire. E’ così che riesco a “rubare” un nuovo pensiero di cucina da fondere a quello che già avevo io, una fusione della Tradizione e Innovazione.

Di rientro dalla Spagna, a Milano, torno a lavorare come stretto collaboratore al fianco del mio maestro Sergio Mei per un paio di anni, fino poi a staccare il cordone ombelicale che mi legava a lui, per intraprendere una nuova esperienza in solitaria, come Chef.

Nel 2018 riapre la storica Taverna Moriggi. Qui mi occuperò di una brigata giovane e talentuosa. Finalmente sfoggiate tutte le mie esperienze e conoscenze, nella creazione di piatti “milanesi 2.0”; piatti classici, ma attuali e mai scontati, con ingredienti e sapori tradizionali, abbinando però tutte le tecniche e conoscenze riportate negli anni, riuscendo anche ad apparire su Gambero Rosso come “tra le migliori costolette alla milanese della città meneghina”.

Alla fine del 2019 purtroppo fui costretto a lasciare la Taverna Moriggi per motivi personali.

Il 2020 inizia, non nel migliore dei modi. Purtroppo la Pandemia ha colpito tutti, ma soprattutto noi della ristorazione, impedendomi quindi di iniziare una nuova sfida lavorativa in un ristorante. Ed è proprio quando mi sentivo quasi vinto dallo sconforto, la persona al mio fianco iniziò a spronarmi ed a sfruttare questo periodo investendo in un progetto digitale. Abbiamo quindi dato vita al “Il tuo Personal Chef”. Un sito web dove metteremo a vostra disposizione tutto quello che ho imparato negli anni, ricette comuni ma con quel dettaglio speciale che non si trova nei comuni blog di cucina. Ma non solo, condivideremo anche tecniche e indicazioni utili per ottenere ottimi piatti, con l’obiettivo di condividere sia con i miei colleghi del settore, sia con gli appassionati di cucina che vogliono preparare qualcosa di diverso, tanti suggerimenti del mestiere!

Questo però non toglie e non toglierà la mia vera passione: mettere le cosiddette “mani in pasta”!

Sono certo che una nuova sfida mi attende, e sarò pronto ad affrontarla al massimo delle mie energie!

…Stay Tuned!

IL MIO CREDO

Credo nell’impegno costante, nella determinazione e nella autenticità dei miei piatti. Nulla è lasciato al caso ma è frutto di uno studio approfondito per rendere un piatto un’esperienza culinaria indimenticabile.

PROGETTI

Sto sviluppando un progetto dedicato al food per chef professionisti e per tutti gli amanti della buona cucina. Il sito è in fase di costruzione:

http://iltuopersonalchef.it